Il gran giorno è arrivato!

È appena sorto il sole e Figaro e Susanna sono già affaccendati con i preparativi per le loro nozze.

“Susanna, ma guarda un po’ che bella stanza ci ha offerto il Conte per il nostro matrimonio! Ti piace?”

“Sinceramente? No”.

“No????”

“Senti Figaro, per me è troppo vicina alla camera da letto del Conte. Lui ha già dimostrato troppe attenzioni nei miei riguardi, metti che un giorno ti manda lontano, in un attimo me lo ritrovo qui.

E poi… ho sentito che vuole ripristinare lo jus primae noctis”.

“Cosaaa? Cioè lui… con te… ? Giammai!!!”

“Non essere melodrammatico! Dobbiamo inventarci qualcosa”.

“Benissimo! Vuoi ballare Signor Contino? Balliamo allora, ti farò vedere io!”.

Nel frattempo, in un’altra ala del palazzo l’anziana Marcellina sta confabulando con Bartolo, buon esperto in legge, per rivendicare una promessa di matrimonio fatta molti anni prima da Figaro, che si impegnava a sposarla se non fosse riuscito restituirle un vecchio debito. Ed è tutto scritto, nero su bianco,

“Si può fare” dice lui, e i due escono tutti contenti.

 

“Dov’è Susanna? Susanna, ho bisogno del tuo aiuto!”. Ecco che sbuca Cherubino, il paggio di corte, che è appena entrato in quella delicata fase della vita chiamata adolescenza e sta combinando un guaio dopo l’altro. 

Tanto per iniziare, si è appena fatto beccare dal Conte in “compagnia” di una ragazzina e come punizione ha ottenuto l’allontanamento dal castello.

“Susanna, ti prego, tu che sei la cameriera personale della Contessa, dille qualcosa, fai che interceda per me, se no qui mi cacciano via! Ueeeee ueeeee”.

“Su dai Cherubino, vedrai che…” “Susannaaaaaa”

“Oh mio Dio, il Conte!”

Per non farsi trovare, Cherubino si precipita a nascondersi dietro una poltrona e da lì assiste a tutte le provolonerie del Conte con Susanna.

Ma ecco la voce di Don Basilio, il maestro di musica, anche lui in cerca della ragazza – si chiamano “Le nozze di Figaro” ma sarebbe stato meglio “L’incredibile Susanna” o qualcosa del genere.

Dicevamo. Per non farsi trovare lì, il Conte sfreccia proprio verso il nascondiglio di Cherubino, il quale, veloce come un’anguilla, sgattaiola sopra la poltrona e viene prontamente coperto con un telo dalla mitica Susanna.

Poltrona —> il Conte: dietro / Cherubino: sopra.

Per farla breve – che siamo solo al I Atto! – Don Basilio spettegola che Cherubino è innamorato della Contessa, il Conte infuriato salta fuori e nel trambusto che segue scopre Cherubino. E questa volta la sentenza è definitiva: sarà spedito nel suo reggimento a Siviglia a fare il soldato. 

Per metterci il caricozzo ci mancava solo il commento di Figaro che, appena arrivato, lo prende in giro: «“Non più andrai farfallone amoroso” a stuzzicare le fanciulle, un-due-tre-marsh!»

 

Il Conte fa tanto il gelosone ma intanto è lui che cornifica la povera Contessa che, affranta, ascolta le parole di Susanna.

Ma arriva da loro Figaro che ha escogitato un piano per mandare a monte le intenzioni del nobile.

“Ascoltatemi signore: ho appena mandato al Conte un biglietto anonimo in cui lo si avverte che la Contessa ha un amante segreto, così lo mettiamo in agitazione. E poi Susanna, tesoro, tu dovrai accettare le sue avances” – “Cosa???” – “Tranquilla, gli darai un appuntamento in giardino per questa sera ma non ci andrai tu. Ci manderemo Cherubino (che non è ancora partito per il fronte) vestito da donna, così che quando il Conte comincerà a fare il tafano con lui pensando che sia tu, la Contessa, d’accordo con noi, lo smaschererà davanti a tutti e lui non oserà più opporsi alle nostre nozze”.

Tutti d’accordo, viene convocato Cherubino per provare gli abiti femminili. Ma mentre è in atto il travestimento, toc, toC, TOC!

“Chi bussa alla porta?”

“Sono io, no?!”

È il Conte, che insospettito dal biglietto è subito corso a casa per controllare sua moglie.

E adesso? “Presto nell’armadio!” la Contessa nasconde Cherubino e si precipita ad aprire; e mentre sono in atto le spiegazioni, Patatrak! Un rumore tremendo dall’armadio (classico!). 

“Chi c’è lì dentro?” urla il Conte.

“Ma chi vuoi che ci sia?” risponde la Contessa sempre più imbarazzata “…Susanna”

“Susanna? Nell’armadio???”

“Aha…”  

“Ok, allora se è Susanna apri” – “No, non apro” – “Apri!” – “No, non apro”

“Va bene, se non vuoi aprire, sfonderò la porta. Vado giù a prendere gli attrezzi e tu mi accompagnerai!” e i due escono.

Ma ecco Magic-Susanna (Super-Susanna) che fa scappare Cherubino dalla finestra prendendo il suo posto nell’armadio.

E ora preparatevi al gigantesco Finale del II Atto, una vera e propria commedia nella commedia.

Tronano il Conte e la Contessa, litigano, Susanna sbuca fuori dall’armadio lasciandoli a bocca aperta, arriva Figaro che ha fretta di celebrare le nozze, il Conte ne approfitta per fargli il terzo grado su chi ha scritto il biglietto di prima, sopraggiunge il giardiniere Antonio che dice di aver visto un uomo saltar giù dalla finestra (Cherubino?) e, chi più ne ha più ne metta, arrivano anche Marcellina, Bartolo e Basilio per chiedere giustizia.

Non ci avete capito niente? È giusto così, il II Atto esplode volutamente in un caos nel Finale dove tutti i personaggi cantano insieme.

Ed eccoci giunti al momento clou: il processo tra Figaro e Marcellina. 

Se Figaro non può risarcirla sarà costretto a sposarla. 

“Sposatela te!” dice Figaro ma sembra che non ci sia scampo, e invece… rivelazione delle rivelazioni: si scopre che Figaro ha un marchio sopra il braccio destro (un tatuaggio  o una voglia, poco importa), e da quel segno Marcellina riconosce il figlio che gli rapirono in culla.

“Luke…ehm no, Figaro sono tua madre!”

Tutto è bene quel che finisce bene; ma non è ancora finita.

Ora la Contessa vuole mettere alla prova il suo uomo e chiede a Susanna di aiutarla. “Per favore, concedi a mio marito un appuntamento per stasera in giardino. Tranquilla, non ci andrai tu: ci scambieremo gli abiti e ci andrò io al tuo posto”.

“Mmmm, mi sembra di averla già sentita questa…”

“… Così vedrò coi miei occhi se mi tradisce o no” continua la Contessa.

“E va beh”. Susanna accetta, va dal Conte, lui ci casca come una pera e in men che non si dica si è fatta l’ora delle nozze. Vuoi tu…? sì lo voglio. E finalmente i due ce l’hanno fatta! Oh, ci voleva tanto?

È scesa la notte.

Figaro viene a scoprire che Susanna ha dato appuntamento al Conte e, credendo di essere tradito, si apposta in giardino per sorprendere i due amanti.

Arrivano la Contessa (vestita da Susanna) e il Conte che non la riconosce e comincia a corteggiarla spudoratamente. I due si perdono per un attimo nell’oscurità ed entra in scena Susanna (vestita da Contessa) che viene subito raggiunta da Figaro. “Contessa, non sapete cosa ho visto! Susanna e suo marito… insieme… venite, venite che vi mostro la tresca!”

“Shhhhhh, non gridate, troveremo di certo una soluzione” risponde Susanna ma per un attimo dimentica di camuffare la voce

0 0 vote
Article Rating
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x